Quale Spumante per Capodanno? Le nostre scelte per brindare al 2022

Spumanti per Capodanno

Il nuovo anno è alle porte, così per salutare degnamente il 2021 che se ne va e abbracciare con gioia il successivo, abbiamo pensato a una selezione di bollicine italiane che possa esservi d’aiuto nelle vostre scelte d’acquisto. Da nord a sud, lungo l’intero stivale, un viaggio all’insegna di diverse proposte di spumanti che non possono mancare al cenone di capodanno.

Alta Langa

Incominciamo il nostro tour enologico dal Piemonte, terra di grandi rossi, ma fonte anche dell’Alta Langa DOCG, spumante a metodo classico prodotto in un’area storica tra le province di Alessandria, Asti e Cuneo.

Nonostante la produzione ancora limitata, si possono trovare alcuni prodotti di grande pregio.

For England Blanc de Noir Pas Dosé 2015 – Contratto

Prodotto con uve di Pinot Noir in purezza, provenienti da vecchie vigne coltivate a 750 metri di altitudine. Di colore giallo dorato, il perlage è finissimo e continuativo. Naso che riporta note di albicocca, agrumi, piccoli frutti rossi, nocciola e accenni di lieviti. In bocca freschezza vibrante, bella sapidità, sorso incisivo e cremoso. Trascorre 42 mesi sui lieviti. Vino a tutto pasto.

Prezzi For England Blanc de Noir Pas Dosé

Extra Brut Blanc de Blancs “Propagò” 2017 – Enrico Serafino

Realizzato con uve Chardonnay, affina sui lieviti per 36 mesi. Al calice appare di colore giallo paglierino brillante, con un perlage sottile e persistente. Al naso esibisce sentori agrumati, note floreali di tiglio, miele, profumi che ricordano il pane e il lievito. Equilibrato in bocca; sorso scorrevole, rinfrescante, con la sua classica vena sapida. Ideale per l’aperitivo.

Prezzi Extra Brut Blanc de Blancs “Propagò”

Bottiglie di Spumante per Capodanno

Bottiglie di Spumante per Capodanno. Quale scegliamo?

Franciacorta

La nostra panoramica prosegue verso la Lombardia, direzione Franciacorta. Probabilmente la denominazione di maggiore appeal internazionale, nei meandri della spumantistica made in Italy.

Franciacorta Brut Satèn DOCG 2017 – Ferghettina

100% Chardonnay. Sfoggia un manto giallo paglierino luminoso, a cui si accoppia un perlage molto fine e persistente. Olfatto che si rifà agli agrumi, pera, mela, per poi proseguire verso sentori di pasticceria. Assaggio delicato, setoso. Bene come aperitivo.

Prezzi Franciacorta Brut Satèn DOCG Ferghettina

Franciacorta Pas Dosé Riserva “Bagnadore” 2011 – Barone Pizzini

Prodotto a regime biologico da uve Chardonnay e Pinot Nero in egual parte, il Bagnadore di Barone Pizzini si presenta di colore giallo dorato. Bollicine fini e numerose. Il naso si attesta tra ricordi di agrumi, sfumature di brioche e crosta di pane, e sentori di fiori bianchi. In bocca è elegante, ricco, sempre fresco, dal taglio minerale. Chiude con un lungo finale. Riposa 60 mesi sui lieviti prima della sboccatura.

Prezzi Franciacorta Pas Dosé Riserva “Bagnadore”

Trento Doc

Inoltrandoci verso il nord-est del bel paese, troviamo il Trentino, e nel nostro caso la denominazione Trento Doc. La bollicina di montagna più famosa che ci sia, si potrebbe tranquillamente affermare. Una realtà con il passare degli anni sempre di più in consolidazione, dove altitudine e terroir garantiscono qualcosa di superbo.

Trento Brut Doc Millesimato 2017 – Altemasi

Bollicina da uvaggio Chardonnay, piacevole e di buona beva. Paglierino con riflessi dorati, il perlage è fine e ricco. Al naso apre con sentori di frutta a polpa gialla, mela, a cui partecipano note di lieviti e brioche. Assaggio armonioso e dinamico: freschezza e sapidità ben percettibili. Vino a tutto pasto. Un ottimo rapporto qualità prezzo.

Qui si sale di prezzo, ma citare l’iconica cantina Ferrari, capostipite della denominazione trentina, mi sembrava doveroso. Io ho optato per una riserva annata 2010, ma da queste parti il ventaglio di scelta è davvero imbarazzante.

Prezzi Trento Brut Doc Millesimato Altemasi

Trento Doc “Riserva Lunelli” 2010 – Ferrari

La riserva della famiglia Lunelli è senza dubbio una delle etichette più iconiche della cantina. Vinificato in botti di rovere, affina poi per almeno 7 anni sui lieviti prima della sboccatura. Giallo dorato un po’scarico, è caratterizzato da finissime e incessanti bollicine. Al naso evidenzia un profilo fruttato che spazia dalla mela, pera a note agrumate di limone. Poi aromi che richiamano la pasticceria e la tostatura. In bocca è morbido, elegante, di struttura. Fantastico!

Prezzi Trento Doc “Riserva Lunelli” Ferrari

Brindisi di Capodanno con il giusto Spumante

Brindisi di Capodanno per festeggiare il 2022

Prosecco

Nel nostro resoconto non poteva mancare il classico intramontabile Prosecco, uno dei vini italiani più conosciuti al mondo. Tiene il passo a svariate situazioni, non sfigura, per cui siamo certi che una buona bottiglia di Prosecco può essere un valido alleato per pasteggiare durante il cenone di fine anno; e oltretutto a un prezzo invitante.

Valdobbiadene Superiore di Cartizze DOCG Dry – Andreola

Al calice fa capolino con il suo color giallo paglierino brillante, al naso un bouquet che sfodera delicati sentori di mela, fiori bianchi, tiglio e biancospino. In bocca, il sorso risalta la traccia acida e sapida del vino. Buono, non fa invidia a prodotti più blasonati.

Prezzi Valdobbiadene Superiore di Cartizze DOCG Dry – Andreola

Conegliano Prosecco Superiore “Ariò” Extra Dry 2020 – L’Antica Quercia

Di tonalità giallo paglierino, il perlage che mostra è fine. Naso che riporta note fruttate e floreali: mela verde, pesca, gelsomino, fiori di campo. Freschezza e cremosità in bocca che portano a berlo senza troppa fatica. Si fa apprezzare. Un antipasto a base di pesce rende l’idea come accompagnamento culinario.

Prezzi Conegliano Prosecco Superiore “Ariò” Extra Dry

Calici di Spumanti

Calici di Spumanti pronti per la degustazione

Gli outsiders: le altre Bollicine Italiane

Se contrariamente alle masse, per il capodanno siete alla ricerca di qualcosa che vada fuori dai canoni, e volete discostarvi dalle classiche denominazioni, vi postiamo qualche bottiglia che può fare al caso vostro.

Blanc de Morgex et de La Salle “Blanc du Blanc” Brut 2018 – Cave Mont Blanc

Saliamo in alta quota con questo metodo classico valdostano, che rientra a pieno diritto nei dogmi della “viticoltura estrema.” Un vino ricavato da uve di Prié Blanc in purezza, nate ai piedi del Monte Bianco.

Manto paglierino vivace, lo spettro olfattivo ci riporta a note minerali, fruttate, floreali. Un totale richiamo ai profumi della montagna. Palato di grande freschezza e sapidità, sorso scorrevole e deciso. Dégorgement non prima di 15 mesi.

Prezzi Blanc de Morgex et de La Salle “Blanc du Blanc” Brut

Lambrusco di Sorbara “Radice” 2020 – Paltrinieri

Ci rechiamo in Emilia-Romagna e come jolly da lanciare in tavola proponiamo un Lambrusco di Sorbara. Al cospetto di un vino prodotto con il metodo ancestrale, ovvero rifermentato in bottiglia con i suoi lieviti.

Il colore che traspare ai nostri occhi è un rosa tenue, quasi salmonato. I profumi al naso regalano delicati sentori di frutta rossa, tra cui compaiono il lampone, il ribes rosso e la ciliegia; segue un accenno salmastro. In bocca coerente con i profumi, apre deciso ma con equilibrio. Fa 9 mesi sui propri lieviti. Per meno di una decina d’euro, vi accaparrerete un vino non da tutti i giorni.

Prezzi Lambrusco di Sorbara Radice

Brut Rosè Metodo Classico – Scacciadiavoli

Scendiamo fino in Umbria. Da una delle cantine storiche di Montefalco, uno spumante Sagrantino 100% fermentato in bottiglia.

Veste rosa scuro, presenta una bella spuma. Al naso intense sensazioni di pompelmo, melograno e mela. Una beva gradevole e appagante. Sui lieviti per almeno 24 mesi. Per gli audaci.

Chiudiamo il cerchio e la nostra selezione di fine anno, andando già giù nella calda Sicilia.

Brut Sicilia Doc “Terzavia” Metodo Classico 2018 – Marco De Bartoli

Il “Terzavia” è un interessante metodo classico proveniente da uve Grillo in purezza, coltivate nell’area di Marsala. Un uvaggio che dimostra ancora una volta la sua versatilità nella sua terra d’origine, in un mix tra tradizione spumantistica francese e locale.

Giallo paglierino intenso, l’impatto olfattivo che riporta note fruttate e minerali; profumi della macchia mediterranea. Avvolgente e vibrante al palato, svolge almeno 18 mesi sui lieviti.

Prezzi Brut Sicilia Doc “Terzavia” Metodo Classico

Approfondiamo Spumanti e altri argomenti:

All’estenuante ricerca del perfetto abbinamento cibo-vino, spinto dalla sete di conoscenza e curiosità verso questo mondo. Nel tempo libero, bevo vino e gioco a tennis.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Categorie dell´articolo:
Il Mondo del Vino

23

All’estenuante ricerca del perfetto abbinamento cibo-vino, spinto dalla sete di conoscenza e curiosità verso questo mondo. Nel tempo libero, bevo vino e gioco a tennis.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi