Champagne Wine Experience: i gioielli della Côte des Blancs

Champagne Wine Experience

Prendiamo spunto dalla visita alla fantastica fiera Champagne Wine Experience di Modena per andare a scoprire alcuni champagne interessanti, magari ancora sconosciuti ai più, ma che sono arrivati ormai a valori qualitativi veramente eccellenti.

Per non risultare dispersivi, ho deciso di focalizzarmi su una zona precisa, la Côte des blancs, dove il vitigno Chardonnay regna sovrano. Andremo anche alla scoperta di alcuni champagne ottenuti da Pinot Meunier 100%, champagne la cui produzione sta decisamente aumentando negli ultimi anni.

Il Territorio della Côte des Blancs

Prima di affrontare produttori e champagne diamo una rapida visione a quello che è il territorio della Côte des Blancs. I comuni classificati Grand cru nella Côte des Blancs sono:

  • Chouilly,
  • Oger,
  • Mesnil-sur-Oger,
  • Cramant,
  • Avize,
  • Oiry.

Fra i più importanti comuni classificati Premiere cru possiamo ricordare:

  • Cuis
  • Vertus.

Quando si parla in generale di Côte des Blancs rientrano in questo discorso anche le zone de la Côte Vitry, la Côte de Sezanne e Montgueux, in quanto lo Chardonnay è sempre il vitigno che domina in questi areali.

Vigneti grand cru vicino a Epernay, regione Champagne - Cote des Blancs

Vigneti grand cru vicino a Epernay, regione Champagne – Cote des Blancs

La Craie

Ma qual è il vero segreto della Champagne? Il segreto della Champagne lo troviamo sottoterra ed è la “craie”. Come la descrive nel suo splendido libro “La mia Champagne”, Alberto Lupetti, uno dei più grandi esperti di champagne al mondo, “la craie è la craie, la traduciamo in altre lingue con la parola gesso, ma non è corretto, è craie!”

La craie è una roccia sedimentaria calcareo-gessosa di origine marina formatasi per sedimentazione di microrganismi, ostriche e belemniti, in un mare poco profondo tra i 90 e i 75 milioni di anni fa.

Diversi tipi di craie possono evidenziarsi, a seconda del periodo e delle condizioni della loro formazione. La più importante e che ritroviamo in superficie affiorante nella Côte des blancs classica è la craie Campanienne formatasi tra i 70 e gli 80 milioni di anni fa.

Lupetti descrive la craie come una sorta di regolatore idrico-termico in grado di far superare sia le estati torride che gli inverni rigidi caratteristici della zona.

Uva Chardonnay in Vigna

Uva Chardonnay in Vigna

Le cantine degustate a Champagne Wine Experience

Andiamo a scoprire insieme tutti gli Champagne e le cantine assaggiate durante l’evento Champagne Wine Experience.

Guiborat

Champagne Guiborat - Degustazione a Champagne Wine Experience

Champagne Guiborat

Siamo a Cramant, è qui che ha sede questa interessante maison a conduzione familiare. Maison con 8 ettari di proprietà in importanti terroir come Chouilly, Cramant e Oiry ed una piccola quota di vigneti a Mardeuil nella vallée de la Marne.

Richard Foquet e sua moglie Karine sono i proprietari della maison, Richard dedito a seguire la produzione dalla vigna alla cantina e Karine intenta alla rappresentanza dei loro champagne. Il colloquio con loro, nel mio zoppicante francese, è arrivato subito al punto fondamentale, già affrontato prima nella descrizione dei territori.

Durante la degustazione di tutti i loro champagne infatti, si percepiva questa sensazione fresca-sapido-minerale, il filo conduttore di tutti i loro vini, una sorta di continuum tridimensionale in bocca determinato secondo me e secondo Karine proprio dalla craie.

A furia di tentare di tradurre queste sensazioni in italiano e in francese senza molto successo, abbiamo concluso entrambi che “la craie c’est la craie”, e una risata comune finale ha sancito la questione.

Champagne degustati:

  • Tèthys.18 E.B S. A Grand Cru Blanc de Blancs 100% chardonnay,24 mesi sui lieviti, dosaggio 1,5 gr/lt, malolattica svolta.
  • Prisme.16 E.B S. A Grand Cru Blanc de Blancs 100% chardonnay 48 mesi sui lieviti, dosaggio 1,5 gr/lt, malolattica non svolta.
  • De Cuares à Mont-Aigu 2014 E.B 100% Chardonnay,70 mesi sui lieviti, dosaggio 0 gr/lt, malaolattica non svolta.

Tutti interessanti e piacevoli, con le Mont-Aigu che spicca per un interminabile finale!

Franck Bonville

Bonville Grand Cru

Bonville Grand Cru

La Maison Franck Bonville possiede 15,5 ha tutti Grand Cru e tutti nella Côte des Blancs, distribuiti tra i comuni di Avize, dove ha sede, Oger, Les-Mesnil e Cramant.

In vigna Olivier persegue una “culture raisonnée” senza utilizzo di pesticidi; in cantina tutti i suoi champagne svolgono la fermentazione malolattica.

Sorriso speciale quello con cui ti accoglie il figlio di Olivier Bonville al banchetto, nonostante le ormai migliaia di persone passate in questa due giorni.

La voglia di spiegarti il filo conduttore che lega i suoi champagne è ancora intatta. Il sorriso rispecchia la radiosità dei vini, cremosi e accattivanti.

Ma è il Millesimè 2013 che veramente lascia il segno; note di macchia mediterranea e balsamiche al naso e al contempo fresco e sapido con un ritorno di note agrumate in bocca che creano dipendenza nella beva. Anche qui la craie la fa da protagonista, emergendo come la fautrice della spina dorsale di questo splendido champagne.

Champagne degustati:

  • Brut Grand cru Blanc de Blancs S.A 100% Chardonnay 16 mesi sui lieviti dosaggio 8gr/lt
  • Prestige Grand Cru Blanc de Blancs S.A 100% Chardonnay 40 mesi sui lieviti dosaggio 9 gr/lt
  • Millesimè 2013 Grand Cru Blanc de Blancs 100% Chardonnay 60 mesi sui lieviti dosaggio 5 gr/lt

Bolieu

Bolieu Cuvèe L’instant B - Degustazione a Champagne Wine Experience

Bolieu Cuvèe L’instant B

Bassuet è il comune sede della maison Bolieu. Siamo nel Vitryat accomunata solitamente alla Côte des Blancs, ma lontana una sessantina di chilometri in direzione sud-est dalla zona classica.

Anche la craie qui assume connotati diversi; questa si è formata in un periodo precedente a quella di origine belemnitica della Côte de Blancs classica, prendendo il nome di turoniana, risultando di un colore grigio.

Lo Chardonnay regna incontrastato nel Viryat, producendo solitamente champagne meno strutturati, se confrontati a quelli provenienti dalle zone Grand Cru. Ma la maison Bolieu è qui per sorprendermi; con i suoi 6,5 ettari quasi completamente a Chardonnay genera champagne di classe.

Il Fleur du Craie e L’Instant B Pas Dosè 2008 sono champagne decisamente ammalianti. Il primo in perfetto equilibrio tra note speziate ed agrumate, il secondo decisamente complesso e pieno di materia, ma mai pesante, si distende in bocca tra cremosità, freschezza e piacevole sapidità.

Champagne degustati:

  • Fleur de Craie Brut S.A 100% Chardonnay 60 mesi sui lieviti, dosaggio 6,5 gr /lt
  • Cuvèe L’instant B Pas Dosè 2008 100% Chardonnay 96 mesi sui lieviti, dosaggio 0 gr/lt

Pierre Legras

Legras Coste Beert Brut Grand Cru

Legras Coste Beert Brut Grand Cru

La maison Pierre Legras si trova a Chouilly dove ha la gran parte dei suoi 10 ha di proprietà. In piena Côte des Blancs, anche qui lo Chardonnay è dominante nella produzione di Vincent, ultimo discendente dell’antica dinastia dei Legras, dedita alla viticoltura già dal XIV secolo.

Amici proprietari di un’enoteca conoscono bene Marcelline, moglie di Vincent, e con loro ci siamo immersi nella degustazione di tutta la linea degli champagne presenti, accompagnati dal sorriso coinvolgente ed entusiasmante di Marcelline.

Eleganza, piacevolezza sono le parole che descrivono perfettamente, secondo me, tutti gli champagne Pierre Legras. Rimanendo sugli champagne da solo Chardonnay, il Coste Beert ci entusiasma per le sue fragranze agrumate; le sue bollicine cremose ci accompagnano a richiami di pasticceria al palato, rendendolo goloso ed elegante al contempo.

Il Monographie 2012 è uno champagne che contiene materia, eleganza, piacevolezza di beva, figlio di un’annata decisamente importante in Champagne. Profumi di nocciole e frutta tropicale, cremoso e fresco in bocca, che dire…chapeau!

Champagne degustati

  • Coste Beert Brut Grand Cru Blanc de Blancs100% Chardonnay 36 mesi sui lieviti
  • Monographie 2012 Grand Cru Brut Nature 100% Chardonnay 72 mesi sui lieviti, dosaggio 0 gr/lt

Julien Chopin

Chopin Blanc de Blancs Brut Grand cru

Chopin Blanc de Blancs Brut Grand cru

La maison Julien Chopin ha la sua sede nel comune di Montheleon, nelle vicinanze di Epernay.

Due le linee di champagne portate avanti da Emmanuel Chopin: “Les classiques” che tende a risaltare l’arte dell’assemblaggio, e la linea “Les Originelle” che ha lo scopo di mettere in evidenza le peculiarità parcellari.

Lo champagne che mi ha maggiormente impressionato è il Grand Cru 2010. Balsamico al naso con richiami di erbe officinali e note di bergamotto.

In bocca poi la spinta minerale è davvero da champagne di gran classe! Piacevolissima sorpresa!

Champagne degustati

  • Blanc de Blancs Brut Grand cru 2010 100% Chardonnay 72 mesi sui lieviti, dosaggio 7 gr/lt

La produzione di Champagne prodotti con il solo vitigno Pinot Meunier sta aumentando; sarà la piacevolezza di beva o una moda del momento, ma il risultato è un numero maggiore di questo tipo di prodotti sul mercato. Rivolgiamo dunque l’attenzione su due champagne di questa tipologia che mi hanno veramente impressionato

Tarlant

La Vigne d’Or Blanc de Meuniers - Degustazione di Meuniers a Champagne Wine Experience

La Vigne d’Or Blanc de Meuniers

Champagne degustato:

  • La Vigne d’Or Blanc de Meuniers 2004 100% Meunier 144 mesi sui lieviti (min.), dosaggio 0 gr/lt

Quando porti il bicchiere al naso si rimane un po’ spiazzati, da un vino con una sosta così lunga sui lieviti ci si aspetterebbe una maggiore espressività.

Ma poi si passa all’assaggio e allora, allora lì si gode un mondo.

Un liquido che avvolge il palato che comincia a esplodere in sentori fruttati e minerali, che percorre tutto il palato con complessità e dinamicità, ma non risultando mai opulento. Persistenza da contare a minuti….

Francis Orban

Orbane cuvée Parcelaire

Orbane cuvée Parcelaire

Champagne degustato:

  • L’Orbane cuvée Parcelaire 2013 100% Meunier 66 mesi sui lieviti, dosaggio 3 gr/lt

Profumi di tabacco biondo e spezie davvero piacevoli ci introducono nel mondo di questo champagne.

Frutta secca e albicocca completano lo spettro olfattivo rendendolo davvero piacevole.

All’assaggio colpisce l’inaspettata freschezza e una sapidità golosa che richiamano un sorso successivo.

Quando sono così, evviva gli champagne da solo Meunier!

Com’è andata Modena Champagne Wine Experience

Modena Champagne Wine Experience è senza ombra di dubbio una fiera bellissima, ben organizzata e con un’ottima location. Concentrati in un solo posto grandissime maison e piccoli vigneron, tutto quello che il fantastico mondo della Champagne può offrire.

Detto questo, se ne avete modo, non perdetevi l’opportunità di organizzare un tour nella zona dello Champagne, che comprenda sia le grandi maison per visitare le splendide cantine scavate nella craie e scoprire le origini di questo mondo, sia i piccoli produttori, che come abbiamo visto sono ormai in grado di regalare degli splendidi e indimenticabili champagne.

Curioso seriale del mondo enogastronomico. Decido nel 2015 di approfondire le mie conoscenze del mondo vino partendo con il percorso sommelier AIS. Da lì il passo al Master Alma AIS e l'esame da degustatore ufficiale sono stati il normale termine per esaudire la mia voglia di approfondire. Amo il Pinot Nero di Borgogna, rappresenta perfettamente il mio ideale di vino, complesso e tremendamente intrigante, ma sempre senza apparire troppo.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Categorie dell´articolo:
Fiere, sagre, eventi

3

Curioso seriale del mondo enogastronomico. Decido nel 2015 di approfondire le mie conoscenze del mondo vino partendo con il percorso sommelier AIS. Da lì il passo al Master Alma AIS e l'esame da degustatore ufficiale sono stati il normale termine per esaudire la mia voglia di approfondire. Amo il Pinot Nero di Borgogna, rappresenta perfettamente il mio ideale di vino, complesso e tremendamente intrigante, ma sempre senza apparire troppo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi