Vinitaly 2012: Una giornata assaggiando Vini Pugliesi

Vinitaly 2012

Eccomi qui a cercare di raccogliere le idee dopo i “fumi enoici” di un’intensa giornata spesa al Vinitaly 2012, celebre fiera del Vino di scena a Verona ogni anno in questo periodo.

Non riesco a dare una reale valutazione di insieme, in quanto ho partecipato (insieme a due amici) ad una sola giornata applicando lo schema usato ogni anno, che prevede la visita ad una regione (massimo due) o in alternativa l’assaggio di vini basati su 2/3 vitigni, approccio che credo sia utile per degustare in modo razionale e per evitare di assaggiare troppi campioni con caratteristiche diverse che confondono le idee lasciando ricordi più sfumati.

I produttori con cui abbiamo scambiato pareri erano in generale soddisfatti, anche perché forse lo spostamento dei giorni (niente sabato quest’anno) ha “filtrato” maggiormente gli accessi, lasciando più spazio alle persone realmente interessate all’evento.

Come tutte le fiere la presenza delle hostess è stata piuttosto “importante” con impatti positivi e negativi allo stesso tempo. Se da una parte un comune mortale ha la possibilità di rifarsi gli occhi, scambiare due battute, raccogliere numeri di telefono con la scusa del blog (magari!), dall’altra a volte capita di doversi raffrontare direttamente con loro per commentare o richiedere più informazioni sui vini che si assaggiano man mano…e spesso sguardi perplessi e sorrisi imbarazzati sono la risposta standard ai nostri incauti quesiti.

Tornando al Vino, la scelta prima menzionata è caduta sulla regione Puglia, Padiglione 10 per la maggior parte dei produttori con qualche azienda collocata nel padiglione 7.

La visita al primo, durata diverse ore, dopo un inquietante inizio condito dalla presenza di Nicki Vendola con fotografi e guardiaspalle a corredo, si è svolta in grande tranquillità e calma. Non troppa gente, degustazioni fatte bene, quasi sempre grande cordialità e professionalità da parte dei produttori, e vini assaggiati spesso molto interessanti.

Sicuramente molto più confusione al padiglione 10, abbastanza eterogeneo dal punto di vista geografico, con la presenza di diverse grandi cantine, elemento che probabilmente ha catalizzato maggiormente l’attenzione del pubblico.

Condivido ora una rapida carrellata delle mie impressioni sui vini assaggiati, evidenziando in particolare quelli che mi hanno colpito di più.

Inizio discreto da Cantele, un grande Primitivo (ES) da Gianfranco Fino, alcuni vini bio di buon livello di Polvanera, degustazione discreta ma senza troppa passione da Torrevento (Vigna Pedale, Kebir), il sempre importante Selvarossa della Cantina due Palme, in particolare la versione 2003, profondo e complesso. Oggi tra l’altro, abbiamo assaggiatoin anteprima un rosè molto interessante da uve Primitivo che uscirà a breve sul mercato.

La cantina a sorpresa è stata Duca Carlo Guarini, che non conoscevo. Ottima per taralli, olio e conserve, anche sui vini ha mostrato alcuni spunti di notevole qualità. Oltre dei Negroamaro di pronta beva ma franchi e puliti, abbiamo assaggiato un eccellente vino da dessert: il Rarum fatto con uve Negroamaro e Malvasia nera.

Ottimi i vini di Tormaresca, il già recensito Masseria Maime, ma anche il Primitivo Torcicoda (che tannino!) e il Bocca di Lupo (Aglianico), entrambi da riassaggiare.
Eccellente il Kaloro, vino dal nome arabo ispirato ai moscati siciliani, dotato di gran bouquet e personalità.
Straordinaria cordialità e degustazione da Rasciatano. Molto interessanti i suoi vini, prodotti principalmente con uve autoctone Nero di Troia. In particolare 2008 e 2010 mi sono rimaste impresse. Strepitoso il loro olio e i taralli che avevano per accompagnare la degustazione.

Niente di entusiasmante da Conti Zecca, dove il loro vino di punta (Nero) è ancora un pò indietro, mentre ho apprezzato il Salice Salentino Aiace e il Negroamaro in purezza Artas di Castello Monaci.

Per finire un ottimo Primitivo di Manduria (Gioia del Colle) del piccolo produttore Chiaromonte, diversi vini interessanti da De Castris (il solito Five Roses, il sauvignon Case Alte, il moscato Pierale ecc), il Vigna Flaminio e il sempre notevole Graticciaia (anche se forse inferiore a qualche anno fa) di Agricole Vallone.

Esperienza come sempre interessante da tutti i punti di vista questo Vinitaly  2012: da quello didattico, a quello più sociale e goliardico.

Le offerte di vini Pugliesi su Trovino

Appassionato di Vino ormai dal 2005, assaggiatore ONAV di primo livello, tante serate e visite in cantina con devozione a Bacco..ho lanciato Trovino per aggregare contenuti e opportunità..e ora il Blog per unire in un coro unico la voce di produttori, enotecari, assaggiatori, giornalisti e poeti del vino...


Tags dell´articolo:
· · ·
Categorie dell´articolo:
Degustazioni · Fiere, sagre, eventi
  • Vedo che il Rarum vi è rimasto impresso..:)
    Non avete citato i quattro vini di Tormaresca, secondo me tutti notevoli, compreso il Moscato di Trani, davvero buono.
    Fino da trovare assolutamente, ma anche Rasciatano mi ha conquistato!

    un saluto
    Massimo

    Massimo 4 aprile 2012 1:03 Rispondi
  • Non posso che condividere il giudizio sulla bella esperienza fatta con gli “amiconi” al Vinitaly (l’anno scorso saltata)
    Ottima sorpresa di Fino (ES) e riscoperta di Cantele con i due vini degustati.
    Olio di Rasciatano da acquistare…
    e sicuramente all’ ottima salsa di Duca Carlo Guarini aggiungerò una bottiglietta di Rarum che mi ha particolarmnete colpito.
    Alla seconda parte della visita aggiungerei, se mi è permesso,
    una chicca “fuorivia” del Barone Ricasoli (stand 7) : Castello di Brolio.

    Ste

    Anonymous 31 marzo 2012 17:45 Rispondi
  • L’appuntamento fisso degli ultimi anni al Vinitaly non tradisce mai, con le molteplici opportunità di assaggio è sempre difficile convergere su un vitigno o regione.
    Ottima recensione: concordo in pieno su Fino, in assoluto il Primitivo più elegante.
    Polvanera, a mio avviso, denotava nei suoi Primitivi un corpo non all’altezza delle aspettative.
    Ottima sorpresa poi il Rarum , dotato di notevole coerenza naso / palato.

    A

    Anonymous 29 marzo 2012 20:01 Rispondi
  • ti invidio per la tua capacità di resistere a tutto il ben di Dio che c’è intorno! io non riesco mai a fissarmi degli obiettivi così stringenti! le bottiglie mi chiamano come delle sirene…
    Comunque prenderò nota come al solito dei tuoi suggerimenti e comincerò ad assaggiare un pò di vini pugliesi che ancora conosco poco

    claps 28 marzo 2012 18:48 Rispondi
  • …è finita a tarallucci e vino!
    Bye

    mike 28 marzo 2012 10:55 Rispondi

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

108
http://www.trovino.it

Appassionato di Vino ormai dal 2005, assaggiatore ONAV di primo livello, tante serate e visite in cantina con devozione a Bacco..ho lanciato Trovino per aggregare contenuti e opportunità..e ora il Blog per unire in un coro unico la voce di produttori, enotecari, assaggiatori, giornalisti e poeti del vino...

Commenti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi